Read The Farm in your language!/Leggi La Fattoria nella tua lingua!

Cronache da Altroquando

sabato 6 giugno 2009

Porci con le ali


A noi il Beppe comico piaceva.
Il prefeta del cazzo no.
Nessun profeta, ai giorni nostri.
Ma certe cose son giuste, magari.
Certe cose ci piace anche leggerle, a volte.
Magari, quando non abbiamo più voglia di scriverle.

"Il 6 e il 7 giugno la maggior parte degli italiani penserà di dover votare per l'abrogazione della legge Merlin. Sesso libero e viagra per tutti in villa chiusa. Una vita che non è mai tardi a spese dello Stato. Ballerine di flamenco. Menestrelli e ragazze manager del proprio corpo. Oggi manager un po' zoccole, domani deputate e ministri. Il voto europeo si è trasformato in un referendum per la scopata libera, pubblica e senza età. Non esistono più le minorenni, ma ragazze con meno di 18 anni. Non ci sono più i vecchi porci, ma trombanti facoltosi. Nella scheda elettorale al posto del simbolo del PDL, il cittadino cercherà un bel culo. L'orgia come destino patrio. Il baccanale al posto della festa della Repubblica. Non siate parrucconi, buttatevi anche voi nel mucchio selvaggio. Ne uscirete trasfigurati. La crisi è scomparsa. L'Europa è svanita, vaporizzata. La corruzione di Mills, e soprattutto i motivi della sua corruzione da parte dello psiconano, fanno parte di un'altra epoca. L'Italia è un porno shop. Corrotti, corruttori, papponi e puttane. E' facile farsi tentare, si annulla il pensiero e si vende la propria dignità. All'estero ci temono. Il politico italiano è peggio della peste suina. Topolanek, ex premier della Repubblica Ceca, pisello on air e ragazze in topless, sputtanato a vita. L'ex moglie di Mills, ministro del governo Blair, costretta a dimettersi a causa delle frequentazioni del marito con Testa d'Asfalto. Ora arriva il G8. Sarà a porte chiuse, cosa succederà dietro a quelle porte? Gemiti e amplessi con il traduttore simultaneo? Nudi sulle rovine del terremoto.
Lo psiconano è come la maga Circe, tramuta le persone in porci. Non fa una gran fatica. In fondo, il porco che è in noi è un istinto primordiale.
Il 6 e il 7 giugno mettetevi davanti a uno specchio e ripetete: "Io non sono un porco", per gli uomini o "Io non sono una porca", per le donne. Poi andate a votare." (dal Blog di Beppe grillo)

Anche no, se volete. ma consapevolmente. Chè solo così sarete davvero liberi.


ON AIR: Giorgio Gaber - Io se fossi Dio


Keywords: elezione europee 2009 provinciali amministrative la fattoria di altroquando

2 commenti:

Penny ha detto...

nooooo!!!ma perchè quando si tratta di elezioni anch'io ho sempre in testa Giorgio?? mah... chissà..

La Fattoria ha detto...

Come son giuste le elezioni...eh?